ACIDO ACETILSALICILICO ANGENERICO

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • ACIDO ACETILSALIC 20CPR 500MG
  • Commercializzato da:
  • ANGENERICO SpA
  • Forma farmaceutica:
  • COMPRESSE
  • Composizione:
  • "500 MG COMPRESSE" 20 COMPRESSE
  • Classe:
  • C
  • Tipo di ricetta:
  • Senza obbligo di ricetta
  • Tipo di medicina:
  • Uso umano

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • ACIDO ACETILSALIC 20CPR 500MG
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco - Italia
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 030009017

Documenti

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

8-1-2016

Pazienti con stent, sospesa la tienopiridina migliori outcome con cilostazolo add-on ad aspirina [Cardio]

Pazienti con stent, sospesa la tienopiridina migliori outcome con cilostazolo add-on ad aspirina [Cardio]

Nei pazienti sottoposti a impianto di stent coronarico, al termine della doppia terapia antipiastrinica (DAPT) con acido acetilsalicilico (ASA) e una tienopiridina, l'aggiunta di cilostazol alla terapia con ASA risulta associata, a 2 anni, a tassi inferiori di eventi cardiovascolari e cerebrovascolari rispetto alla monoterapia con ASA. È l'esito di uno studio da poco apparso online sull'American Heart Journal.

Italia - PharmaStar

7-12-2015

I risultati dell'angiografia coronarica TAC possono modificare la prescrizione di statine e ASA [Cardio]

I risultati dell'angiografia coronarica TAC possono modificare la prescrizione di statine e ASA [Cardio]

La conoscenza da parte dei medici dei risultati di un'angiografia coronarica in tomografia computerizzata (TC) porta a un migliore allineamento del trattamento con acido acetilsalicilico (ASA) o statine rispetto alla presenza e gravità di malattia coronarica (CAD). Lo rivela un lavoro pubblicato sull'American Journal of Cardiology, i cui autori notano che ancora molti pazienti con CAD rilevata all'angiografia coronarica TC (CCTA) sono dimessi senza prescrizione di ASA o statine.

Italia - PharmaStar

8-11-2015

Avviso dalla ricerca piemontese: cosomministrazione di rosuvastatina e clopidogrel da evitare [Cardio]

Avviso dalla ricerca piemontese: cosomministrazione di rosuvastatina e clopidogrel da evitare [Cardio]

Tra i pazienti trattati con doppia antiaggregazione antipiastrinica (DAPT), rosuvastatina - ma non atorvastatina- risulta associata a un aumentato tasso di elevata attività residua in trattamento (HRPR) per clopidogrel, senza alcuna influenza sull'effetto antiaggregante dell'acido acetilsalicilico (ASA) o ticagrelor.

Italia - PharmaStar

22-10-2015

Ictus minore e TIA, con o senza stenosi intracraniche outcome invariati con ASA o DAPT  [Neuro]

Ictus minore e TIA, con o senza stenosi intracraniche outcome invariati con ASA o DAPT [Neuro]

Si ha un tasso più elevato di ictus recidivanti nei pazienti con ictus minore o attacco ischemico transitorio (TIA) ad alto rischio nei pazienti con stenosi arteriosa intracranica (ICAS) rispetto a quelli senza, ma in entrambi i casi non vi è una differenza significativa di risposta a due diversi approcci antipiastrinici (clopidogrel più acido acetilsalicilico [ASA] o solo ASA).

Italia - PharmaStar

3-10-2015

DAPT, un alto BMI incide sulla reattività piastrinica nei trattati con clopidogrel, non con ticagrelor o ASA [Cardio]

DAPT, un alto BMI incide sulla reattività piastrinica nei trattati con clopidogrel, non con ticagrelor o ASA [Cardio]

Uno studio italiano, pubblicato online sul Journal of Cardiovascular Pharmacology, dimostra che tra i pazienti trattati con doppia terapia antipiastrinica (DAPT) per malattia coronarica, un indice di massa corporea (BMI) superiore è correlato a una maggiore reattività piastrinica e una maggiore prevalenza di elevata reattività piastrinica residua (HRPR) nei pazienti trattati con clopidogrel mentre non viene influenzata in modo significativo l'efficacia di ticagrelor o dell'acido acetilsalicilico (ASA).

Italia - PharmaStar

25-7-2015

Ictus minore o TIA, ridotto rischio precoce di recidiva con clopidogrel+ASA si conferma a 1 anno  [Neuro]

Ictus minore o TIA, ridotto rischio precoce di recidiva con clopidogrel+ASA si conferma a 1 anno [Neuro]

In pazienti colpiti da ictus minore o attacco ischemico transitorio (TIA) ad alto rischio il beneficio derivante da un trattamento precoce combinato con clopidogrel e acido acetilsalicilico (ASA) in termini di riduzione del rischio di ictus successivo a 90 giorni, già dimostrato nel trial CHANCE, si conferma al follow-up a 1 anno dello stesso studio, come riportato su Circulation.

Italia - PharmaStar

22-6-2015

Tripla terapia dopo sindrome coronarica acuta: nuova bocciatura. Ancora promossa invece la DAPT [Cardio]

Tripla terapia dopo sindrome coronarica acuta: nuova bocciatura. Ancora promossa invece la DAPT [Cardio]

Nei pazienti con sindrome coronarica acuta, l'aggiunta di anticoagulanti orali diretti (DOAC) o antagonisti dei recettori attivati da proteasi -1 (PAR-1) alla terapia antipiastrinica (acido acetilsalicilico [ASA] e clopidogrel) porta a una modesta ma significativa riduzione di ictus e di un outcome composito di efficacia (decesso/infarto del miocardio/ictus) ma al costo di un consistente aumento di ictus emorragici ed eventi emorragici maggiori.

Italia - PharmaStar

6-6-2015

Post-infarto, alla dimissione dopo PCI meglio una terapia di mantenimento con ASA a basse dosi [Cardio]

Post-infarto, alla dimissione dopo PCI meglio una terapia di mantenimento con ASA a basse dosi [Cardio]

Tra I pazienti con infarto del miocardio acuto (IMA) trattati con intervento coronarico percutaneo (PCI), un'elevata dose di mantenimento di acido acetilsalicilico (ASA) è risultata associata a tassi simili di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE) ma con un maggiore rischio di sanguinamenti minori rispetto a quelli dei pazienti dimessi con basse dosi di ASA. Questa la conclusione di uno studio pubblicato online su Circulation.

Italia - PharmaStar

25-5-2015

Dopo la TAVI minore rischio di sanguinamento e ictus ricorrendo al solo ASA rispetto alla DAPT [Neuro]

Dopo la TAVI minore rischio di sanguinamento e ictus ricorrendo al solo ASA rispetto alla DAPT [Neuro]

Non si osservano differenze riguardo a eventi avversi netti clinici e cerebrali (NACE) a 1 mese impiegando un regime anticoagulante basato sul solo acido acetilsalicilico (ASA) o sulla duplice terapia antiaggregante (DAPT, ossia ASA + clopidogrel) in seguito a impianto transcatetere di valvola aortica (TAVI).

Italia - PharmaStar

16-3-2015

Ischemia acuta dell'arto e rivascolarizzazione periferica, tassi calati con cure standard e in più vorapaxar [Cardio]

Ischemia acuta dell'arto e rivascolarizzazione periferica, tassi calati con cure standard e in più vorapaxar [Cardio]

In due specifici sottogruppi di pazienti affetti da malattia arteriosa periferica (PAD) - in particolare soggetti a rischio di ischemia acuta dell'arto inferiore (ALI) o di necessità di rivascolarizzazione periferica - l'aggiunta di vorapaxar al trattamento standard (costituito da acido acetilsalicilico [ASA] e/o clopidogrel) ha mostrato in entrambi i casi una significativa riduzione del rischio. Sono i risultati di due analisi post hoc del trial TRA 2°P TIMI 50 appena presentati alle sessioni scienti...

Italia - PharmaStar

15-3-2015

DAPT a 3 anni con ticagrelor: si riduce il rischio cardiocerebrovascolare ma aumenta quello emorragico [Cardio]

DAPT a 3 anni con ticagrelor: si riduce il rischio cardiocerebrovascolare ma aumenta quello emorragico [Cardio]

In pazienti che hanno subito un infarto del miocardio da più di un anno (da 1 a 3 anni prima) in terapia di fondo con acido acetilsalicilico (ASA) a basse dosi, l'aggiunta di un trattamento con ticagrelor ha significativamente ridotto il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico e ictus, con un aumento però del rischio di sanguinamento maggiore, non associato peraltro a un incremento di emorragie intracraniche.

Italia - PharmaStar

14-3-2015

Assumere l'ASA al momento di coricarsi invece che al risveglio ottimizza la prevenzione CVD [Cardio]

Assumere l'ASA al momento di coricarsi invece che al risveglio ottimizza la prevenzione CVD [Cardio]

L'assunzione di basse dosi di acido acetilsalicilico (ASA) al momento di coricarsi confrontata con l'assunzione effettuata al risveglio non determina una riduzione della pressione arteriosa nei pazienti con CVD, in compenso determina una minore reattività piastrinica mattutina.

Italia - PharmaStar

21-2-2015

Dopo stenting coronarico meno emorragie con combinazioni di due antitrombotici anziché tre  [Cardio]

Dopo stenting coronarico meno emorragie con combinazioni di due antitrombotici anziché tre [Cardio]

Pubblicata online sull'American Journal of Cardiology, una meta-analisi italiana -volta a indagare la terapia antiaggregante ottimale in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo (PCI) -ricercatori dell'Università di Torino hanno evidenziato che - poste a confronto con la terapia tripla (TT) - sia la combinazione acido acetilsalicilico (ASA)/clopidogrel sia quella clopidogrel/anticoagulante orale (OAC) riducono il sanguinamento.

Italia - PharmaStar

dallo stesso produttore